Nutriti di colori…

Lo sciroppo nella tradizione

Per secoli e fino ad alcuni decenni fa nella nostra valle ( entroterra di Genova) era comunemente diffusa negli orti e giardini delle abitazioni contadine la coltivazione delle rose da sciroppo, dai cui petali si producevano sciroppi, confetture e altre ricette particolari,utilizzate anche per le proprietà officinali.

Attaraverso ricerche sui testi e la raccolta sul campo di testimonianze sulla preparazione e l’utilizzo ,si sono potute ricostruire le antiche ricette dello sciroppo e della confettura di rose, per salvare dall’oblio un prodotto tradizionale dalle molte virtù.

“L’infuso e lo sciroppo di rosa sono tonici fortificanti per i polmoni e svolgono un’azione tonica su tutto l’organismo : raccomando l’infuso e lo sciroppo, in particolar modo agli abitanti delle metropoli che sono preoccupati per le condizioni del loro apparato respiratorio, ai convalescenti e agli anziani.I bambini gracili ne trarranno un prezioso aiuto per superare certe crisi della crescita “
( Maurice Mességué, Il mio erbario, 1983)

Non solo sciroppo di rose...Ma anche altre tentazioni! Negli ultimi anni ,oltre alle Rose , abbiamo ampliato la varietà dei nostri prodotti coltivando anche More e Lamponi per ottenere Sciroppi e Marmellate, ...oltre a Gelatine a base di Vini pregiati con svariate combinazioni di gusti... per accompagnare formaggi stagionati, carni rosse, bolliti, selvaggina.

Lo “ Sciroppo di Rosa”
trova spazio in varie preparazioni: